Il Forte di Monte Ricco, di proprietà del Comune di Pieve di Cadore, apre al pubblico per la prima volta nella sua storia, dopo un importante restauro fortemente voluto dal Comune stesso, e grazie al fondamentale sostegno della Fondazione Cariverona. Inaugurato il 20 maggio scorso, viene gestito dalla Fondazione Museo dell'Occhiale onlus e dalla Fondazione Centro Studi Tiziano e Cadore.

 

Si accende con Fuocoapaesaggio, mostra collettiva e cantiere d’arte contemporanea di Dolomiti Contemporanee, curata da Gianluca D'Incà Levis e Giovanna Repetto. Dolomiti Contemporanee applica qui il format che ne ha contraddistinto l'azione dal 2011 ad oggi, incentrato su arte contemporanea e strategie della rigenerazione.

 

Fino a fine settembre sono coinvolti ventuno giovani artisti e numerosi partners artistici e culturali. Diversi temi declinati nell'esposizione riguardano aspetti connessi alla montagna e al paesaggio alpino. L'attivazione di una Residenza a Pieve di Cadore, possibile grazie all'impegno dell'amministrazione comunale, ha consentito e consente agli artisti di lavorare a contatto diretto con la storia e la cultura del territorio, assumendone temi e stimoli, per restituirli attraverso opere site specific.

 

La riflessione che, dal 2011, Dolomiti Contemporanee viene svolgendo sull'identità del Paesaggio contemporaneo, e sul destino del Patrimonio - d'ambiente, d'architettura, storico e culturale - passa attraverso l'individuazione dei principali siti-risorsa che marcano il paesaggio dolomitico stesso, contribuendo a configurarlo.

 

Le modalità di rigenerazione, culturale e funzionale, dei grandi siti costruiti dall'uomo, abbandonati o sottoutilizzati, è uno dei temi propri della ricerca di Dolomiti Contemporanee. Nessun sito è essenziale in sè stesso, quale mero oggetto. L'idea e la pratica del suo utilizzo, la progettazione di uso e fruizione, sono parte integrante del Bene, esattamente quanto le pietre che lo compongono, e forse più di esse. Se il sito non è un generatore di relazioni virtuose, allora è un cratere.

 

Responsabilità degli attori territoriali che operano al recupero e al riavviamento di tali strutture-risorsa, è dunque quella di individuare le linee d'azione più corrette e funzionali, coerenti con l'identità del territorio stesso, in una chiave di sostenibilità e innovazione.

 

Bisogna saper attingere al bagaglio storico-culturale che tali siti rappresentano e racchiudono, proiettandolo efficacemente nella contemporaneità.

 

La mostra sarà visitabile fino al 30 settembre.

Orari e modalità di ingresso sono i medesimi del Forte di Monte Ricco.

 

Qui il video dell'inaugurazione

 

Opening20Forte20di20Monte20Ricco Sebastiano20Sofia Foto20Nicola20Noro

Opening20Forte20di2020Monte20Ricco20 Foto20Brando20Prizzon    Opening20Forte20di2020Monte20Ricco Foto20Nicola20Noro

Fuocoapaesaggio20Forte20di20Monte20Ricco20Irene20Coppola.20Foto20di20Giacomo20De20Donà20    Opening20Forte20di20Monte20Ricco RAVE rie20performance20di20Mario20Tomè Foto20Brando20Prizzon

Foto di Nicola Noro e Brando Prizzon

 

I percorsi del museo

I percorsi del museo

L'origine di questo straordinario strumento correttivo per la vista, declinato in luoghi e tempi diversi, e la storia del nostro territorio e dell'industria dell'occhiale in Cadore. Continua>

Curiosità

Curiosità

Ludus probatus elaboraret nam no, indoctum posidonium deterruisset ius ne, mea cu possit ullamcorper. Ius ne ullum liber, nam at diam perpetua, an quo putent prodesset.

Continua >


Aiuta il Museo dell’Occhiale

Aiuta il Museo dell’Occhiale

Vim te quas suavitate referrentur, in nec quando luptatum. Lucilius singulis mei et. Tantas laudem graece in nam.

Continua >

Il tuo 5 per mille?

Il tuo 5 per mille?

His ei voluptua suavitate, mea essent fierent an, an has fabulas gubergren appellantur. Sea etiam deserunt.

Continua >

Catalogo beni etnoantropologici

Catalogo beni etnoantropologici

La maggior parte dei reperti conservati nel Museo rientra nel Catalogo dei Beni Culturali della Regione del Veneto.

Continua >

Curiosità

Curiosità

Ci sono dei reperti davvero eccezionali, come questo piccolo cannocchiale nascosto all'interno di un profumatore per l'ambiente

Continua >